Invalidità

Definizione: art. 8 LPGA
Definizione di grande invalido: art. 9 LPGA
L’invalidità può essere conseguente a infermità congenita, malattia o infortunio (art. 4 LAI)

Avvertenza: in questo settore sono in corso continue modifiche. Si consiglia pertanto di sempre verificare l’attualità delle indicazioni fornite (attraverso gli articoli di legge e i link).  Per approfondimenti, si veda anche “handicap – che fare? La guide per le questioni giuridico sul sito di proinfirmis.ch

Primo pilastro: assicurazione invalidità (AI)
Assicurazione infortuni se l’invalidità è dovuta a infortunio (LAinf)
Secondo pilastro: cassa pensione (LPP)
Terzo pilastro: assicurazioni private o assicurazione facoltativa
Copertura fabbisogno minimo: prestazioni complementari (PC)

Assicurazione invalidità (AI)

Per invalidità conseguente a infermità congenita, malattia o infortunio (art. 4 LAI)

Designazione AI – assicurazione invalidità
Basi legali Legge federale sull’assicurazione per l’invalidità (LAI), RS 831.20 e relative ordinanze (OAI)
Organizzazione Pubblica: Casse di compensazione professionali, casse di compensazione cantonali, casse di compensazione della Confederazione, Ufficio centrale di compensazione
Chi è assicurato Art. 1b LAI – come nell’AVS
Per alcune prestazioni è richiesto un periodo di assicurazione minimo
Obbligo di contribuzione Art. 2 LAI – come nell’AVS
Finanziamento art. 3 LAI – come nell’AVS
la trattenuta sullo stipendio è dell’1.4%, di cui ½ a carico del dipendente e ½ a carico del datore di lavoro
Prestazioni Provvedimenti sanitari: in caso di infermità congenite (art. 12 s. LAI), fino ai 20 anni.
Provvedimenti di reinserimento per preparare all’integrazione professionale (art. 14a LAI): provvedimenti di riabilitazione socioprofessionale; provvedimenti d’occupazione; durata: fino ad 1 anno, prolungabile in casi eccezionali.
Provvedimenti professionali (art. 15 ss. LAI):
– orientamento professionale (art. 15 LAI)
– prima formazione professionale per chi non ha mai esercitato attività lucrativa (art. 16 LAI)
– riformazione professionale (art. 17 LAI)
– servizio di collocamento (art. 18 LAI)
– assegno per il periodo di introduzione (art. 18a LAI; max 180 giorni)
– aiuto in capitale (art. 18b LAI) per avvio o sviluppo attività indipendente
Mezzi ausiliari per mantenere o migliorare la capacità al guadagno o se necessari per spostarsi, stabilire contatti o prendersi cura di sé stessi (art. 21 ss. LAI)
Indennità giornaliere durante l’esecuzione dei provvedimenti di integrazione (art. 22 ss. LAI) a dipendenza del guadagno precedente e del numero di figli
Rendita (art. 28 ss.): a dipendenza del grado di invalidità: almeno 40 % un quarto di rendita, almeno 50 % metà rendita, almeno 60 % tre quarti di rendita, almeno 70 % rendita intera. Periodo di attesa: 1 anno, ma la rendita nasce al più presto 6 mesi dopo la richiesta di prestazioni (art. 29 LAI). Revisione in caso di cambiamento della situazione o dello stato di salute
Assegno per grandi invalidi: art. 42 ss. LAI
Calcolo della rendita calcolo misto tra reddito annuo medio e durata di contribuzione.
Importo della rendita attualmente (dal 1.1.2013) la rendita intera massima ammonta a CHF 2’340.00.
Rendite completive per i figli (art. 35 LAI).
Riduzione in caso di sovrassicurazione (art. 38bis LAI). Persone vedove o orfani: nessun cumulo – viene versata la rendita più elevata (art. 43 LAI); al momento del pensionamento, passaggio a rendita AVS (art. 30 LAI)
Versamento all’estero Rendite (art. 29 LAI): Le rendite inferiori a ½ sono versate solo ad assicurati domiciliati
per il resto: come nell’AVS
Altre prestazioni: salvo eccezioni sono fornite soltanto a persone con domicilio in Svizzera
Richiesta prestazioni moduli (www.avs-ai.info). Si raccomanda d’inoltrare la domanda al più tardi 6 mesi dopo l’inizio dell’incapacità al lavoro. I moduli di richiesta sono disponibili presso le casse di compensazione AVS e le loro agenzie (presso il Municipio).
Notifica per rilevamento tempestivo (art. 3a ss. LAI) dopo 30 giorni di incapacità al lavoro (art. 1ter OAI)
Particolarità Rilevamento tempestivo, art. 3a ss. LAI, possibilità di notifica all’AI anche da parte di altre assicurazioni, datori di lavoro ecc.
Trattamento fiscale deduzione dei contributi; imposizione al momento di percepire le prestazioni; l’assegno grande invalido non è considerato reddito
Approfondimenti AVS/AI (sito delle casse di compensazione AVS/AI); UFAS (Ufficio federale per le assicurazioni sociali).
Direttive UFAS

Torna all’indice

Invalidità in seguito ad infortunio

Per i lavoratori, in caso di invalidità dovuta ad infortunio, vi è diritto ad una rendita già a partire da un’invalidità del 10% (art. 18 Lainf – RS 832.20). Nei casi in cui vi è diritto anche ad una rendita AI (invalidità di almeno il 40%) o a una rendita AVS, è assegnata una rendita complementare che corrisponde alla differenza tra il 90 per cento del guadagno assicurato e la rendita AI o AVS, ma al massimo all’importo previsto per l’invalidità totale (80% del guadagno assicurato) o parziale.
Vedi Infortuni

Torna all’indice

Secondo pilastro (LPP)

Designazione previdenza professionale, 2° pilastro, LPP
Basi legali vedi vecchiaia, 2. pilastro
Organizzazione vedi vecchiaia, 2. pilastro
Chi è assicurato vedi vecchiaia, 2. pilastro
Obbligo di contribuzione vedi vecchiaia, 2. pilastro
Finanziamento vedi vecchiaia, 2. pilastro
Le rendite per i superstiti e gli invalidi sono finanziate secondo il principio d’assicurazione, i contributi vengono stabiliti in base a principi attuariali; di regola i contributi ammontano in media ad una percentuale compresa tra il 3 e il 4 per cento del salario assicurato. Presso alcuni assicuratori i premi di rischio pagati dagli uomini sono più elevati di quelli delle donne.
Prestazioni Rendita, art. 23 LPP, secondo gli stessi principi dell’AI; rendita per i figli, art. 25 LPP
Calcolo della rendita dipende dal regolamento della cassa. Nel primato dei contributi (adottato da sempre più casse), la rendita viene calcolata in per cento del capitale accumulato (capitale di libero passaggio), integrato della somma degli accrediti di vecchiaia per gli anni mancanti fino al raggiungimento dell’età ordinaria di pensionamento, senza gli interessi (art. 24 LPP).
Tasso attuale di conversione minimo: 6.8% (art. 14 LPP).
Importo della rendita dipende dal capitale accumulato e dal salario assicurato durante l’ultimo anno di assicurazione (art. 24 LPP); se vi è concorso fra le prestazioni previste dalla LPP e prestazioni analoghe di altre assicurazioni sociali è applicabile l’articolo 66 capoverso 2 LPGA (art. 34a LPP). Limite del sovraindennizzo: art. 69 LPGA, guadagno di cui l’assicurato è stato presumibilmente privato in seguito all’evento assicurato
Versamento all’estero il versamento non è legato né alla nazionalità né al domicilio dell’avente diritto
Richiesta prestazioni Presso l’istituto di previdenza cui si è affiliati; osservare le prescrizioni di statuti e regolamento
Particolarità vedi vecchiaia, 2. pilastro
Trattamento fiscale deduzione dei contributi; imposizione al momento di percepire le prestazioni
Approfondimenti UFAS (Ufficio federale per le assicurazioni sociali).

Torna all’indice

Terzo pilastro (assicurazioni private o assicurazione facoltativa)

Vedasi anche Vecchiaia, 3. pilastro

L’assicurazione non obbligatoria può avvenire in vari modi:

Il regolamento di cassa pensione può prevedere condizioni di assicurazione migliori rispetto a quelle legali: può essere assicurato l’intero stipendio e non solo il salario coordinato; può essere assicurato un salario superiore al massimo legale; la definizione di invalidità può divergere da quella legale nel senso di assicurare non solo l’incapacità al guadagno ma anche l’incapacità al lavoro. Consultare il regolamento dell’Istituto di previdenza cui si è affiliati e chiedere al datore di lavoro.

Nella cassa pensione è possibile acquistare anni di assicurazione mancanti; indipendenti e lavoratori alle dipendenze di vari datori di lavoro non soggetti all’obbligo LPP possono aderire all’assicurazione facoltativa (art. 44 ss. LPP).
L’istituto di previdenza deve inoltre permettere l’acquisto di anni mancati (cfr. Legge federale sul libero passaggio, RS 831.42, art. 9 ss.).

Assicurazione infortuni: Possono assicurarsi a titolo facoltativo le persone esercitanti un’attività lucrativa indipendente domiciliate in Svizzera, come pure i loro familiari collaboranti nell’impresa e non assicurati d’obbligo (art. 4 Lainf), o chi è occupato solo parzialmente come lavoratore (art. 134 OAinf). Non è possibile assicurarsi dopo la cessazione dell’attività lucrativa indipendente o della collaborazione a titolo di membro della famiglia o con l’assoggettamento all’assicurazione obbligatoria (art. 137 OAinf) perché in quei casi non vi è perdita di guadagno, rispettivamente quest’ultima è già assicurata altrove.

Assicurazione invalidità con un assicuratore privato secondo la Legge sul contratto d’assicurazione (LCA), secondo quanto offerto dall’assicuratore. Attenzione: molte volte l’assicuratore interviene soltanto nella misura della perdita di guadagno residua (cioè non coperta da altre assicurazioni, in particolare dalle assicurazioni sociali). Ne va diversamente se è assicurata una somma.

Torna all’indice

Copertura fabbisogno minimo

Vedere: prestazioni complementari (PC)

Torna all’indice

Annunci