Quelle distanze fisiche e emozionali

Una riflessione sulla burocrazia, importante anche in relazione a ciò che sta succedendo in Ticino in questo periodo – l’ondata di revoche di permessi di dimora a chi non è benestante, e all’esclusione dall’accesso alle prestazioni sociali (cfr. gli articoli su questo sito relativi agli assegni integrativi e di prima infanzia): apparso su la Regione di oggi, 27 gennaio 2016

Quelle distanze fisiche e emozionali

di Rocco Bernasconi, docente

Nel 1941, Heinrich Himmler ricevette l’incarico di sterminare gli ebrei, come previsto dalla ‘Soluzione finale’. In breve organizzò delle fucilazioni ma si accorse che le SS faticavano a sparare a vittime innocenti. Volendo capire cosa non andava organizzò un’esecuzione di civili, tra cui due donne. Dapprima Himmler ostentò indifferenza ma poi, durante le esecuzioni, si innervosì e non riuscì a distogliere lo sguardo da terra. Venuto il turno delle donne le SS persero i nervi, riuscendo a ferirle ma non a ucciderle. Himmler andò in panico e ordinò: “Non torturate quelle donne. Uccidetele velocemente!”.

Alla fine il suo aiutante disse: “Reichsführer, questi erano solo un centinaio e guardi gli uomini del Kommando che aria sconvolta! Che uomini stiamo addestrando? O degli psicopatici o dei selvaggi!”. Così Himmler capì che la poca efficienza era imputabile ad un “peso dell’anima”, in tedesco ‘Seelenbelastung’. Cercò quindi una soluzione: le camere a gas, che ridussero lo stress emozionale degli esecutori consentendo di eliminare più persone, più velocemente e ad un costo minore. Le SS non dovevano più guardare le vittime negli occhi o sentirne le grida; erano gli ebrei dei ‘Sonderkommandos’ a formare le colonne in attesa di morte e a rimuovere i cadaveri. I lager erano pensati per mantenere la maggior distanza fisica ed emozionale tra tedeschi e detenuti. – Secondo Raul Hilberg “‘l’amministratore’ di oggi è meglio attrezzato dei nazisti perché dispone dei mezzi per portare a termine uccisioni di massa in maniera rapida, organizzata ed efficiente. Le moderne tecnologie permettono di eliminare molte vittime senza la necessità di toccarle, sentirle o vederle.” Hilberg aveva capito che la distanza fisica dalle vittime permette di alleggerire la coscienza degli esecutori.

– Stanley Milgram sostiene che “ognuno possiede una coscienza che serve a controllare gli impulsi aggressivi e distruttori” e osserva che “quando l’individuo lavora in una grande organizzazione che funziona secondo la logica della burocrazia, si fonde con essa dando vita ad una nuova creatura, non soggetta alle remore della coscienza individuale”.

– Max Weber osserva che “la moderna burocrazia si sviluppa meglio se si riescono ad eliminare dalla coscienza dei funzionari i sentimenti e le emozioni” che inceppano le procedure amministrative.

– Zygmunt Bauman scrive che “più un’organizzazione agisce razionalmente, maggiore è la possibilità di causare sofferenza rimanendo in pace con la propria coscienza”. Questo è un tratto tipico delle grandi organizzazioni, pubbliche e private.

L’Occidente oggi giustamente si scandalizza di atti violenti come gli attentati di Parigi. Ma ha perso la capacità di opporsi e spesso di riconoscere forme di violenza tipiche di una cultura tecnologicamente e razionalmente avanzata: la violenza fredda e distante che in nome del profitto e dell’efficienza distrugge intere comunità, mette in ginocchio Paesi interi o devasta gli equilibri ambientali di enormi aree geografiche. Per onorare la memoria delle vittime della Shoah è utile smascherare la violenza tipica di una razionalità strumentale fuori controllo. Per non dare ai nazisti una vittoria postuma bisogna conoscere il volto moderno dell’Apocalisse che come scrive Elie Wiesel: “Non è più una visione di bestie che sputano fiamme, di cavalieri che portano distruzione; l’Apocalisse sono esseri apparentemente dolci, generosi e intelligenti per i quali la scomparsa di una persona, di una famiglia o di una comunità non sembra affatto avere un’importanza reale: sono esseri per i quali conta solo l’astrazione”.

Questa voce è stata pubblicata in Diversi. Contrassegna il permalink.