Parità uomo – donna: alcuni concetti giuridici di base

Costituzione federale art. 8, capoverso 3
Uomo e donna hanno uguali diritti. La legge ne assicura l’uguaglianza, di diritto e di fatto, in particolare per quanto concerne la famiglia, l’istruzione e il lavoro. Uomo e donna hanno diritto a un salario uguale per un lavoro di uguale valore.

Legge federale sulla parità dei sessi (LPar) (RS 151.1.)

Discriminazione diretta e indiretta

La discriminazione è “diretta” quando si fonda esplicitamente sul sesso o su criteri che si applicano solo a uno dei due sessi senza essere obiettivamente giustificata. La discriminazione è invece “indiretta” quando il criterio impiegato potrebbe valere per ambo i sessi, ma in definitiva svantaggia, o potrebbe svantaggiare, in maggiore proporzione persone di un sesso, senza nessuna giustificazione obiettiva

Check-list per esame casi  LPar- 1

Si tratta di un rapporto di lavoro? (cfr. art. 3 cpv. 2 LPar)
Discriminazione diretta?
Discriminazione indiretta: colpisce maggiormente persone di un sesso rispetto all’altro? (indizi? statistiche?)
Disparità di trattamento giustificata? (= non costituisce discriminazione)

Check-list per esame casi  LPar – 2
Proporzionalità

scopo giustificato?
il criterio impiegato è necessario e adatto a raggiungere lo scopo?
non vi sono criteri meno discriminatori?
valutazione interessi: l’interesse del datore di lavoro è preponderante rispetto a quello del lavoratore / della lavoratrice?
il datore di lavoro ha adottato le misure per ridurre la discriminazione o che si possa pretendere che adotti?

Giurisprudenza del tribunale federale e dei tribunali ticinesi in materia di parità: sentenzeparita.ch

Quadro creato da Rosemarie Weibel in occasione del 20mo anniversario dello Sciopero delle donne
Creato da Rosemarie Weibel in occasione del 20mo anniversario dello Sciopero delle donne, 2011
Questa voce è stata pubblicata in Parità dei sessi - Contributi. Contrassegna il permalink.